Winning collections: Stine Riis from 2012, Minju Kim from 2013, Eddy Anemian from 2014 and Ximon Lee from this year, Getty Images/Kristian Löveborg.

Winning collections: Stine Riis from 2012, Minju Kim from 2013, Eddy Anemian from 2014 and Ximon Lee from this year, Getty Images/Kristian Löveborg.

"LE COLLEZIONI PIÙ PECULIARI CHE PRODUCIAMO"

Tutti sanno che ogni novembre H&M collabora con un marchio famoso in tutto il mondo. A dicembre, invece, un designer emergente verrà premiato con l'H&M Design Award, che consente al vincitore di sviluppare, commercializzare e vendere la propria collezione su scala mondiale.

Da Karl Lagerfeld a Isabel Marant fino a Balmain. Dal 2004, H&M collabora con alcuni dei designer e dei marchi più noti al mondo per creare ambite collezioni che creano un enorme scompiglio e portano alla frenesia dell'acquisto in tutto il mondo. Ma non sono solo le collaborazioni con un interesse commerciale che hanno portato H&M in primo piano nel mondo della moda. Dal 2012 l'azienda organizza un concorso annuale di design destinato a giovani designer dall'enorme talento, con lo scopo di mettere in mostra gli aspetti più artistici di quello che indossiamo.

"Abbiamo lanciato il premio perché vogliamo aiutare i designer giovani nelle prime fasi della loro cariera. Oltre a ricevere un premio monetario, il designer vincitore riceve assistenza nelle pubbliche relazioni per il mercato mondiale e l'opportunità di sviluppare capi fondamentali della propria collezione", spiega Margareta van den Bosch, Creative Advisor di H&M, che fa parte della giuria fin dalla nascita del concorso.

Sviluppare i capi e venderli tramite H&M è stato un fattore importante quando si è trattato di prendere la decisione di organizzare un concorso annuale di design.

"Non possiamo far sfilare una collezione e poi non renderla disponibile ai clienti", dice van den Bosch, aggiungendo: "Le collezioni del Design Award sono le più peculiari tra tutte quelle che produciamo."

I vincitori vengono annunciati all'inizio di ogni anno e i capi fondamentali delle loro collezioni arrivano in negozi selezionati circa dieci mesi dopo. 

"Tutte le collezioni del Design Award hanno rappresentato delle sfide di produzione per la quantità di dettagli che le caratterizza. Eddy Anemian [il vincitore del 2014] ha realizzato una vera e propria collezione di alta moda, mentre quella di Ximon Lee presentava tantissimi dettagli", dichiara Margareta van den Bosch, aggiungendo: "Lo sviluppo di tutte queste collezioni richiede del tempo. Prima di tutto la analizziamo con il designer, poi scegliamo le stoffe e rielaboriamo i motivi e le stampe."

Molti capi delle collezioni dei vincitori degli anni passati non sono state solo difficili da produrre, ma sono anche state difficili da presentare a chi non vede la moda come avanguardia. La collezione di Ximon Lee include capi con dettagli in plastica e cartone.

PERCHÉ DOVREBBERO INTERESSARCI LE COLLEZIONI DEL DESIGN AWARD?
"Se ti interessa l'arte e il design, questo premio è davvero interessante. Consideriamo queste collezioni come delle opere artistiche di valore e dal messaggio visivo forte", dice Margareta van den Bosch.

Le quattro collezioni vincitrici degli anni passati hanno presentato una moda moderna, piena di dettagli e d'avanguardia.

 

Stine Riis and H&M's Ann-Sofie Johansson, Getty Images.

2012: STINE RIIS

La prima vincitrice in assoluto è stata la danese Stine Riis. La sua collezione era androgina, colorata e presentava dei capi creati con una tecnica speciale che fondeva pelle e lana assieme.

Dopo la sua vittoria, Stine Riis ha realizzato il suo sogno creando il suo marchio omonimo. Ha poi messo in attesa il progetto quando il marchio di moda francese Surface to Air le ha offerto un posto come Head of Design per l'abbigliamento femminile. 

 

Minju Kim after her H&M Design Award show at Mercedes-Benz Stockholm Fashion Week, Getty Images.

2013: MINJU KIM

"Era così contenta quando abbiamo annunciato il suo nome come vincitrice che ha fatto un salto tale da toccare quasi il soffitto", Margareta van den Bosch ricorda della vincitrice del secondo Design Award, la coreana Minju Kim.

La sua collezione s'ispirava ai manga e aveva uno schema di colori pastello con capi dai tagli insoliti. La sua collezione fumettistica non è stata venduta solo nei negozi H&M: alcuni capi erano disponibili anche nel negozio di lusso Opening Ceremony di New York. E quella è stata la prima volta in assoluto che il negozio ha venduto una collezione prodotta da H&M. 

Eddy Anemaian, Kristian Löveborg.

2014: EDDY ANEMIAN

Nel 2014 il premio è andato per la prima volta a una collezione di alta moda. La collezione di Eddy Anemian si chiamava "They Can Cut All the Flowers, They Cannot Keep Spring from Coming" ("Possono tagliare tutti i fiori, ma non possono evitare che arrivi la primavera") e traeva ispirazione dalla parte di Tilda Swinton nel film Io sono l'amore. La stampa di settore ha elogiato la sua collezione luminosa e femminile (Paper Mag l'ha definita "Crazy Chic") e la maxi gonna gialla è diventata uno dei capi più ricercati per l'autunno. 

 

Ximon Lee and H&M's Ann-Sofie Johansson, Kristian Löveborg.

2015: XIMON LEE

Quest'anno è stata la prima volta che un designer di collezioni maschili ha vinto il premio. La collezione di Ximon Lee aveva una silhouette estranea al corpo. Sebbene la collezione presentasse una linea di abbigliamento maschile, i capi erano sostanzialmente genderless con delle silhouette oversize, un uso complesso della stoffa e strutture particolari.

I capi fondamentali della sua collezione sono arrivati nei negozi H&M e su HM.com alla fine di ottobre e hanno ottenuto immediatamente il tutto esaurito. Da quando ha vinto l'H&M Design Award, Ximon Lee ha lanciato il suo marchio XIMONLEE e l'ha presentato a febbraio all'interno della sfilata del marchio underground VFILES svoltasi a New York. 

 

2016: ANCORA DA ASSEGNARE

Il vincitore dell'H&M Design Award del 2016 verrà annunciato a Londra il 7 dicembre. Qui è disponibile l'elenco dei semi-finalisti.

Torna ai feed
Torna in alto