• Ann-Sofie Johansson, Margareta van den Bosch, Nick Knight, Katy England, Olivier Rousting, Kate Bosworth and Chiara Ferragni of the jury with winner Hannah Jinkins.

  • The A/W15 collection

  • The A/W15 collection

HANNAH JINKINS HA VINTO L'H&M DESIGN AWARD 2016

Con una collezione che si spinge ai confini del genere, esplora la cultura denim e unisce gli opposti, Hannah Jenkins ha vinto il quinto H&M Design Award. H&M Life ha raggiunto la stilista subito dopo l'annuncio della vittoria.

Le congratulazioni sono d'obbligo per Hannah Jinkins. Il 7 dicembre la ventiquattrenne britannica ha vinto il premio da €50.000 e avrà la soddisfazione di vedere la sua collezione prodotta e venduta da H&M.

"Sono sopraffatta dall'emozione! Questo significa poter avviare un mio brand, sono entusiasta al pensiero. Non avrei mai pensato di riuscirci appena uscita dall'università", racconta a H&M Life dopo aver ricevuto il prestigioso premio.

La competizione si è svolta a Londra, dove otto giovani designer sono stati selezionati per mostrare le collezioni preparate per la laurea ad una giuria di celebrità tra cui l'attrice Kate Bosworth, il fotografo Nick Knight, il direttore creativo di Balmain Olivier Rousteing e l'imprenditrice di moda Chiara Ferragni.

"Hannah è brillante. Ha l'abilità di bilanciare alla perfezione elementi molto diversi tra loro, il grezzo con il rifinito, il serioso con lo sbarazzino. Scegliere il vincitore dell'H&M Design Award è stato molto difficile perché il calibro di questi finalisti era altissimo, ai vertici della moda", racconta Kate Bosworth.

Hannah Jinkins ha studiato al Royal College of Art di Londra ed è riuscita a far sponsorizzare la sua collezione A/I 2015 da una fabbrica giapponese di denim.

 "È una collezione fortemente sperimentale per me, che mi ha permesso di esplorare i confini del genere, mischiando tecniche diverse e cercando un equilibrio tra i tratti maschili e gli elementi del lusso femminile. Il denim, l'industria del denim e la cultura che lo circonda è stato fonte di grande ispirazione nel creare la collezione. Ho studiato molto anche gli abiti da lavoro."

Sono state fondamentali sia l'idea di sostenibilità, sia la visione che più si indossa un capo, più questo acquisisce valore - anche un capo second-hand. Questa visione si rispecchia nell'uso dei materiali: tele di cotone, cotone cerato, seta grezza, lane di diverso tipo e "tantissimo denim giapponese".

QUAL È STATA LA SFIDA MAGGIORE?
"L'abbinamento dei tessuti, e creare un look armonioso tra essi. È stata una grande sfida affiancare denim e seta nello stesso capo, perché sono tessuti dalle caratteristiche opposte. Ma sono riuscita a creare armonia, grazie alla pratica", spiega.

ORA ALCUNI PEZZI SARANNO PRODOTTI E VENDUTI DA H&M. COSA NE PENSI?
"Sono veramente entusiasta di vedere come saranno adattati, come verranno sviluppati e venduti da H&M. Non vedo l'ora di scoprire come realizzeremo la collezione, sarà incredibile vedere i miei capi nei negozi."

ORA CHE HAI VINTO, COSA FARAI?
"Investirò tutto il denaro della vincita nel lancio di un mio brand, e farò tutto il possibile per realizzare questo progetto. Poi inizierò a pensare alla prossima collezione, e troverò uno studio più grande."

"Potrei anche fare un viaggio in Giappone. Il denim della mia collezione è stato sponsorizzato da una fabbrica giapponese, mi piacerebbe andare a ringraziarli di persona. E fare qualche ricerca..."

 

La collezione H&M Design Award sarà in vendita online e in negozi selezionati il prossimo autunno. 

Torna ai feed
Torna in alto