Dimore Studio

Capitanando la nuova era anti-minimalista, ma molto chic, gli interni super eleganti di Dimore Studio hanno reso questo studio di design milanese l'azienda di successo preferita dalla moda. Di seguito scoprirete perché.

Se doveste nominare lo studio di design più ricercato al momento, quale sarebbe?

Senza alcun dubbio Dimore Studio. L'azienda milanese di design collabora con case di moda del calibro di Hermès, Bottega Veneta, Fendi e Sonia Rykiel nonché con famosi albergatori quali Ian Schrager e Thierry Costes. Con il significativo nome di "dimore", lo studio si specializza nel fondere elementi contraddittori nei propri progetti di interni. Pensate ai mobili del XVII secolo con le lampade degli anni '70. Colori scuri, cupi mescolati ad accenti dorati o di ottone. O come dichiarano i fondatori dello studio:

"È un insieme di vecchio e nuovo, tradizionale e contemporaneo, un insieme di stili che crea uno spazio senza tempo. L'atmosfera creativa di Dimore Studio vuole trovare un equilibrio armonioso tra design, arte e architettura. Creiamo spazi che sono caldi, invitanti, funzionali e memorabili, donandogli un senso immediato di armonia."

Chi sono, quindi, i creatori di questa fantastica impresa?

Britt Moran ed Emiliano Salci hanno fondato Dimore nel 2003. Moran è americano, ma si è innamorato dell'Italia durante una visita da studente e ha deciso di restare, diventando graphic designer. Salci è cresciuto in Toscana e ha studiato come designer di mobilio. I due si sono incontrati mentre lavoravano a un progetto e il resto è diventato storia. Moran ricorda con piacere la prima volta che si sono incontrati:

"Ci siamo incontrati per il progetto dell'atrio di un albergo a Shanghai. Alla fine non se ne fece nulla, ma noi ci rendemmo conto di avere una certa complicità artistica. Lavoriamo molto bene assieme. Siamo complementari. Emiliano è più artistico e io mi occupo più del business, ma è fondamentale mantenere l'equilibrio."

Non sono loro i responsabili di Ceresio 7, il ristorante che si affaccia sulla piscina sopra lo showroom di DSquared2 a Milano? Quello con le sedie da pavone blu e i candelabri funky?

Ma sì! Oltre al Caffè Burlot a Paris, innumerevoli boutique in tutto il mondo e varie residenze private. Dimore Studio ha anche lanciato la sua linea di mobilio nel 2005. Ma un progetto spicca sugli altri: la Pump Room di Chicago. "Eravamo contentissimi di lavorare con un imprenditore del calibro di Ian Schrager e Chicago è una città fantastica per lavorare, piena di arte e ispirazione." Ma in conclusione, perché Dimore attira così tanto? Moran dice:

"Tutti vogliamo sognare, a casa, in albergo, al ristorante e lasciarci trasportare temporaneamente altrove."

Torna ai feed
Torna in alto