The Car coat.

IL CAPPOTTO CORTO

L'iconico cappotto corto è stato concepito tra i fumi della benzina ed è nato su una strada impolverata. In un secolo il cappotto lungo fino a metà coscia e dalla forma svasata si è evoluto in uno dei capi maschili più poliedrici.

Il cappotto corto di Givenchy Primavera 2015, All Over Press

LA SUA STORIA
Come traspare dal suo nome in inglese (car coat), questo capo è nato in simbiosi con l'automobile a cavallo tra la fine del 1800 e gli inizi del 1900. A quei tempi, la maggior parte delle auto non aveva tetto né riscaldamento: i conducenti e i passeggeri dei lussuosi veicoli, che dovevano essere ricchi abbastanza per poterseli permettere, avevano bisogno di cappotti generosi che tenessero caldo e proteggessero i costosi abiti dalla polvere e dallo sporco che saliva dalle rudimentali strade percorse. Ma la funzionalità non era l'unico vantaggio del cappotto corto: anche l'eleganza di chi scendeva dall'auto aveva la sua importanza. 

I cappotti corti originali spesso erano più lunghi e in genere di materiali più pesanti dei modelli che vediamo oggi per strada, sulle passerelle e in auto.  La lunghezza a mezza coscia del cappotto corto attuale venne introdotta negli anni '60, quando il capo divenne una presenza immancabile nel guardaroba di ogni uomo e ogni donna. La lunghezza media e la forma svasata ne fanno un capo dalla vestibilità comoda che consente al conducente di muoversi liberamente senza il rischio di intralciare il movimento dei piedi sui pedali. 

Quando la lunghezza venne ridotta, cambiò anche il materiale: da pelle e pelliccia si passò a una versione più leggera in nylon o lana spessa, anche se esistono ancora modelli più tradizionali. In genere è così che si porta oggi il cappotto corto.

COME INDOSSARLO
Il cappotto corto è uno dei capi più poliedrici del guardaroba maschile. Il look sobrio, le linee pulite e la lunghezza media nascondono la giacca e consentono anche di indossarlo a un colloquio di lavoro o a un matrimonio, a seconda del colore e del materiale scelto. Ma è anche facile da indossare in chiave più sportiva. Abbinato a un paio di jeans neri, degli stivali e a un giubbotto di jeans scolorito e usurato, è la scelta ideale anche per un locale hip in centro.

La stylist Columbine Smille l'ha abbinato a un pullover a maglie strette, una felpa con cappuccio e a dei pantaloni in felpa per ottenere un look rilassato da tutti i giorni.

"È semplice, ma con tutti i dettagli giusti al posto giusto: lampo e bottoni curati. E adoro il materiale!" dice Smille. 

 

Gli articoli preferiti dal fotografo Tobias Lundkvist sono quelli classici: una camicia nera e le Converse alte. Il capo preferito della stylist Columbine Smille è un impeccabile vestito di seta nero. Il nostro modello è il super fusto Sacha M'Baye. Acconciature di Mette Thorsgaard e trucco di Josefin Scherdin.

Idris Elba, Steve McQueen, Brad Pitt con un cappotto corto in pelle in Fight Club, Sean Connery nel film di James Bond Dalla Russia con amore, David Beckham indossa Modern Essentials selezionati da David Beckham per H&M e Ben Affleck a passeggio con la moglie Jennifer Garner, All Over Press.
SHOP THE STORY
Torna ai feed
Torna in alto