THE ITEM

IL DOLCEVITA

Sofisticato, ma anche pratico, il dolcevita dovrebbe essere un capo immancabile in ogni guardaroba pieno di stile. Nel nostro piccolo celebriamo uno degli articoli della moda più amati (e sottovalutati).

Dior, Prefall 2015, All Over Press.

LA SUA STORIA
Sia che lo chiamiate collo alto, sia che preferiate il termine lupetto, tutti ci riferiamo allo stesso capo: l'intramontabile dolcevita, reso famoso dall'omonimo film e che ha l'innegabile pregio di far sembrare intelligente chi lo indossa. O più precisamente dona l'aria da intellettuale. E, se indossato nella maniera giusta, fa sembrare un intellettuale sexy.

In barba alle contraddizioni i primi a indossare il collo alto furono proprio gli sportivi alla fine del 1800. Gli atleti dei college lo indossavano come indumento intimo, poi hanno iniziato a usarlo anche i militari, per le sue caratteristiche funzionali. 

Negli anni '50 il dolcevita è diventato un simbolo della nuova bohème di intellettuali e nei decenni seguenti è stato l'articolo fondamentale di designer quali Yves Saint Laurent e Pierre Cardin.

"I dolcevita vengono enormemente sottovalutati", scrive Diane Keaton nelle sue memorieLet’s Just Say It Wasn’t Pretty (Diciamo solo che non è stato bello, n.d.t.). Poche attici hanno avuto più impatto sulla storia della moda di Diane Keaton e nessuna donna prima di lei aveva indossato un dolcevita (o una cravatta con i pantaloni cachi, per l'esattezza) con tale distinzione e sicurezza. E i fan l'hanno poi ovviamente imitata.

Dopo alcuni anni nell'oblio, il dolcevita è tornato di moda come un capo imprescindibile. Marchi hip quali Altuzarra e The Row lo adorano e altrettanto pensano i fashionista.

COME INDOSSARLO
Dato che l'aderente è il nuovo oversize e il retrò è il nuovo moderno, abbiamo scelto un look slanciato nero. Il dolcevita nero è stato abbinato a un paio di jeans slim a vita alta in pieno stile beatnik moderno e la stylist Columbine Smille ha aggiunto un tocco finale con gioielli discreti e una cintura in pelle. 

 

Gli articoli preferiti dal fotografo Tobias Lundkvist sono quelli classici: una camicia nera e le Converse alte. Il capo preferito della stylist Columbine Smille è un impeccabile vestito di seta nero. La nostra modella è la bella Chiharu Okunugi. Acconciature di Mette Thorsgaard e trucco di Josefin Scherdin.

The turtleneck on Diane Keaton, Audrey Hepburn, Brigitte Bardot, Oprah Winfrey, Linda Evangelista, Twiggy, Victoria Beckham as Posh Spice and Marilyn Monroe, All Over Press.
Torna ai feed
Torna in alto